La cura Padoa Schioppa

Da un articolo di Repubblica ho estratto alcune dichiarazioni del ministro dell'Economia circa la manovra correttiva e la pesante cura che si prospetta per scuola, sanità, pensioni e stato sociale. Inoltre dalle sue affermazioni si intuisce che non è affatto preparato sulla Scuola, gli addetti ai lavori lo verificheranno dalle sue dichiarazioni, speriamo che almeno lo sia come capo del dicastero più importante del Paese.

Padoa-Schioppa ha elencato i settori che sono oggetto di studio per l'intervento sulla manovra complessiva di risanamento dei conti pubblici: si tratta di previdenza («ha squilibri intrinseci», ha detto il ministro), pubblico impiego (scuola compresa), sanità e enti locali. «Ci sono alcune classi – ha detto Padoa-Schioppa – in cui ci sono tre insegnanti per dodici bambini».
Il comparto scuola del resto è oggetto dello studio da parte dei tecnici: si tratta di un settore che vale un terzo del pubblico impiego (1 milione e 100 mila unità) e che, dopo il fallimento della riduzione della Moratti, continua a crescere al ritmo di 6-7.000 unità all'anno. I motivi sono l'immigrazione, il sostegno, e anche un certo lassismo nella costituzione delle classi. I dati Ocse dicono che abbiamo il più alto rapporto tra docenti e alunni. Dunque si starebbe pensando di stringere i bulloni all'intero sistema aumentando il numero degli alunni (con un tetto minimo per classe) e riducendo le classi; si prevede anche un incremento dell'orario dei docenti e un blocco del turn over. Un quadro all'esame anche del ministro della Pubblica Istruzione Fioroni che ha già detto che i risparmi della scuola devono restare all'interno della scuola e che andranno regolarizzati circa 20 mila precari. Quanto alle pensioni l'idea di un intervento non piace al presidente della Camera Bertinotti che ha definito un «crimine sociale» l'innalzamento dell'età pensionabile.
La cura Padoa Schioppaultima modifica: 2006-06-25T14:40:49+02:00da io_califfo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento