La fronte come spazio pubblicitario!

A volte la realtà è destinata a superare di gran lunga la fantasia. Sfogliando il quotidiano di oggi mi sono imbattuto in una curiosa notizia che vede protagonista un giovane siciliano di Comiso (Rg). Luca Melilli, è questo il suo nome. Il ragazzo in cerca di notorietà e desideroso di guadagnare qualche quattrino, ha pensato bene di mettere all'asta, su e-bay, la propria fronte e di offrirla al migliore offerente come "spazio pubblicitario". Forse quando ha avuto la stravagante idea, non si aspettava nemmeno lui che poteva avere un tale successo. Nel giro di pochi giorni la sua inserzione ha toccato più di 2000 visite e un paio d'offerte serie da parte di aziende del nord.  "Ho deciso di sfruttare la mia spaziosa fronte – racconta – come spazio pubblicitario. Porterò reclame e loghi impressi in giro per locali, discoteche o semplicemente per le strade della città". La base d'asta l'ha decisa lui: 5000 euro. Vince chi offre di più. "Si comincia con 5000 euro e un centesimo", spiega. L'affitto, chiaramente, è a termine. "Le campagne pubblicitarie – dice – hanno una durata limitata: sette o dieci giorni". Poi "lo spazio" torna a disposizione del mercato. Luca ha pensato anche alle tecniche da usare per la pubblicità: adesivi o tatuaggi all'hennè, entrambe facilmente rimovibili e non dannose. Mica fesso. Se i suoi conti tornano, potrebbe guadagnare 10.000 euro al mese facendo il minimo sforzo, anzi, divertendosi pure e chissà se sarà costretto a rilasciare regolare fattura. Speriamo che almeno abbia tenuto conto dell'afa siciliana, che peraltro fa sudare parecchio rischiando così di far staccare la locandina o sciogliere l'eventuale tatuaggio. A quel punto, rischierebbe una citazione da parte dell'azienda per aver interrotto il "servizio pubblicitario"!
La fronte come spazio pubblicitario!ultima modifica: 2006-06-19T12:45:53+02:00da io_califfo
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La fronte come spazio pubblicitario!

Lascia un commento